Sesvil
APPROFONDIMENTI» Assessment center: strumento per la valutazione del potenziale (3)
dot_page_green

4. CAMPI DI APPLICAZIONE


Gli assessment center sono degli strumenti che possono essere di grande aiuto in ogni fase del percorso di gestione del personale; nella fase di selezione dei candidati, di orientamento, di formazione in vista dei piani di carriera ed infine in fase di valutazione del potenziale del soggetto (Del Pianto, 2004; Lievens, 2002).
Lo scopo della selezione è quello di individuare il candidato che abbia i requisiti più coerenti con la posizione da ricoprire. Infatti, attraverso la selezione vengono individuati i soggetti che, per le competenze possedute, sembrano i più idonei a svolgere il lavoro cui si intende avviarli.
Le valutazioni ottenute attraverso l’AC, evidenziando le potenzialità dei candidati, infatti, forniscono informazioni all’azienda, circa le risorse da acquisire utilizzabili a lungo termine e per diverse esigenze, che, in aggiunta, non si limitano alla sola fase di inserimento, compensando così l’alto costo economico che l’impianto di un AC comporta rispetto ad altre tecniche di selezione.
La selezione è un processo che può essere centrato sul lavoro e, in questo modo, si esamina la persona valutando se possiede le specifiche competenze in relazione ad una data posizione, ad esempio personale specializzato o esecutivo. Al contrario, se l’organizzazione ha una necessità più generica, ad esempio personale al primo impiego, allora la selezione diventa orientamento, in quanto sceglie le persone che si presentano potenzialmente adeguate rispetto ai più ampi ruoli aziendali, con l’obiettivo di orientarli e dirigerli in futuro verso una specifica posizione lavorativa.
Nella direzione di orientamento l’AC consente di predisporre percorsi formativi adeguati, attraverso la rilevazione dei punti di forza e le aree di miglioramento delle risorse, favorendone così la crescita professionale.
In ambienti di continuo cambiamento ed evoluzione la formazione assume un ruolo molto importante. L’AC è utile in questa fase perché consente di riconoscere e individuare sia le capacità potenziali di un soggetto per svilupparle, sia le carenze per colmarle; quindi serve per strutturare interventi formativi mirati nell’ottica di prevenire future necessità di crescita professionale.
Siccome l’assessment center ha come finalità quella di conoscere sistematicamente le capacità, le conoscenze, le qualità possedute dalle persone per ottimizzare l’impiego delle stesse, è importante definire piani e sistemi di sviluppo. In quest’ottica l’AC diventa uno strumento di sviluppo che si propone di valutare le capacità potenziali di un individuo, cioè le sue attitudini, predisposizioni e abilità a svolgere funzioni diverse da quella attuale. Grazie all’AC è possibile diminuire il margine di rischio connesso a questa scelta, in quanto l’uso congiunto di più prove permette di ridurre le distorsioni dovute al caso e alla soggettività.
In conclusione si può dire che le diverse applicazioni dell’assessment center lo rendono uno strumento versatile e di successo. E’ chiaro però che l’efficacia del metodo, al di là dell’ambito di applicazione, è strettamente legata sia alla professionalità, sia alla preparazione di tutti coloro che sono coinvolti nella sua progettazione e realizzazione.
sesvil